ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ucraina: 100mila russi fuggiti in Kazakistan dopo annuncio mobilitazione-Elezioni: Pd-Maie-Lega, salvare voto italiani all'estero, riforme per evitare brogli-Iran: Onu critica 'risposta violenta' durante proteste per morte di Mahsa-Bollette, ConfimpreseItalia: "Evitare una catastrofe economica e sociale"-Elezioni: Verdi-Sinistra, 'in Lombardia oltre sbarramento, auspicio ricostruire alleanze'-Calcio: Casini, 'non è vero che i club non amano la Nazionale'-Milano: Fontana, 'presidente Aci Milano chiede a me e Sala incontro su Area B, io ci sono'-Calcio: Antonello, 'nuovo stadio valore aggiunto per i club e per la città di Milano'-Viabilità: A8 Milano-Varese, regolarmente aperta uscita stazione Gallarate-Calcio: Scaroni, 'impossibile ristrutturare San Siro'-Milano: picchia e maltratta la compagna privandola anche del telefonino, arrestato-Viabilità: A8 Milano-Varese, da venerdì 30 settembre tre notti di chiusure-Governo: Renzi, 'già mi chiedono di farlo cadere, ma aspettiamo che lo facciano'-Elezioni, Guzzetta: "Sì al voto elettronico, finisca feticismo anti-modernista ed anti-democratico"-Iv: Renzi, 'ci hanno seppellito più volte, ma noi siamo semi'-Pd: Bonaccini posta mappa voto, Emilia rossa-Governo: Renzi, 'Meloni ringrazi Letta, altrimenti non avrebbe la maggioranza assoluta'-Pd: il commiato social di Sensi, boom di messaggi a partire dai Big-Basket: Nba, Iguodala firma per una stagione con i Golden State Warriors-Sport e Salute: il road show domani fa tappa a Napoli

Nasce in Italia la casa di legno amica dell’ambiente

Condividi questo articolo:

Si chiama ’Mai’ (Modulo abitativo Ivalsa) ed è una casetta di legno amica dell’ambiente, frutto di un progetto interamente made in Italy. A progettarla sono stati i ricercatori dell’istituto Ivalsa  (Istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree) del Consiglio nazionale delle ricerche Cnr, in collaborazione con il Centro europeo di impresa e innovazione del Trentino (Ceii) e Habitech-Dttn (Distretto tecnologico trentino per l’energia e l’ambiente), mentre della realizzazione la realizzazione pratica è stata possibile grazie a un consorzio di 13 aziende dell’artigianato trentino. Mai è un piccolo edificio fatto di legno, con due stanze da letto, un bagno, una cucina e un soggiorno. Il tutto in appena 33 metri quadri (più altri 16 per le due terrazze), organizzati in 5 moduli prefabbricati e trasportabili. Una sorta di ’abitazione componibile’, che ha già inclusi al suo interno tutti i rivestimenti, gli impianti e i materiali necessari per vivere, inclusi i pavimenti. «In pratica – spiega Ario Ceccotti, direttore dell’Ivalsa – una volta portata la casa sul posto non bisogna fare altro che avvitare dei bulloni». Un sistema estremamente semplice e versatile, che, affiancando più moduli, consente di costruire edifici più grandi e di qualsiasi forma.

Oltre alla massima versatilità, Mai si contraddistingue per l’elevato grado di efficienza energetica ed eco-compatibilità, a partire dal materiale – riciclabile – impiegato per la sua realizzazione: legno proveniente da foreste del Trentino gestite in maniera sostenibile e, per le fondamenta, pannelli X-Lam antisismici. Le strutture delle stanze, inoltre, sono progettate seguendo i criteri delle case passive, che non necessitano, cioè, di impianti di riscaldamento. Presentano infatti, oltre a un rivestimento interno che funge anche da protezione contro gli incendi, una facciata ventilata di tavole di legno e una guaina traspirante impermeabile che proteggono la casa dalla pioggia e dai raggi solari. Anche la copertura dell’edificio è studiata per offrire la massima efficienza ed è provvista di un impianto solare termico per la produzione di acqua calda. Gli arredi, infine, sono realizzati in legno naturale o placcato con materiali ottenuti a partire da carta riciclata e privi di derivati del petrolio.

Caratteristiche innovative che hanno già consentito al Modulo abitativo Ivalsa di ottenere la certificazione Leed (Leadership in energy and environmental design), uno standard sviluppato dall’US green building council (Usgbc) per costruire edifici sostenibili sia dal punto di vista energetico che dal punto di vista del consumo di tutte le risorse ambientali coinvolte nel processo di realizzazione. Il marchio Leed è già applicato in oltre 100 Paesi, inclusa l’Italia, dove il Green building council nazionale ha elaborato degli standard studiati per le condizioni ambientali italiane. La casa Mai ha inoltre superato il cosiddetto bloower door test, una verifica sperimentale che permette di valutare scoprire le eventuali ’perdite d’aria’ di una struttura, e – fatto non trascurabile – è molto economica. La sua realizzazione, infatti, è costata appena 960 dollari.

Di seguito l’elenco delle aziende trentine che hanno collaborato alla realizzazione del progetto: la Fanti Davide snc di Malosco ha realizzato la struttura portante, il Consorzio Trentino Casa in Legno le finiture in legno in fase di assemblaggio, Corazzolla srl di Tres gli arredi su misura, Moratelli Impiantistica snc di Mattarello ha realizzato l’impianto termoidraulico ed il sistema di climatizzazione a risparmio energetico, SIRE di Ala l’impianto di recupero e raccolta delle acque reflue, Elimp snc di Arco ha realizzato l’impianto elettrico ed in collaborazione con Domoticon di Arco lì impianto domotico, Giuliani Serramenti di Avio i serramenti e Marco Veronesi di Brentonico gli imbotti ed i telai, Co.Pa.Ma ha realizzato le pavimentazioni, Eurocoperture srl di Perigine ha realizzato l’impermeabilizzazione e la copertura, Cedecart ha realizzato tutti i rivestimenti esterni ed interni, Leveghi el Ferar snc di Baselga di Pinè ha realizzato le giunzioni dei cinque moduli.

Questo articolo è stato letto 4 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net