Si può scansionare l'emotività dei bambini?

Uno studio dice che si può indagare il rischio di depressione, ansia e problemi di attenzione nei bambini con una scansione del cervello

I problemi di salute mentale dei bambini sono molto difficili da prevedere perché rimangono abbastanza celati fino a quando non causano veri problemi, per questo è molto interessante un nuovo studio, pubblicato sulla rivista JAMA Psychiatry, che racconta come i ricercatori potrebbero aver trovato un modo per utilizzare le scansioni del cervello al fine di individuare quali bambini sono a rischio di depressione, ansia e problemi di attenzione.

Analizzando le scansioni di un piccolo campione di 94 bambini (di cui 53 maschi e 41 femmine: 77 senza problemi di salute mentale diagnosticati e 17 a rischio di problemi di lettura), il team di ricerca ha scoperto che le connessioni in alcune aree del cervello all'età di 7 anni potrebbero aiutare a prevedere i problemi di salute mentale che si sviluppano nel giro dei quattro anni successivi: un certo modello di connessioni potrebbe portare a incorrere in depressione e ansia a 11 anni, una debolezza di connessioni a problemi di attenzione.

L'autrice principale dello studio Susan Whitfield-Gabrieli, professoressa di psicologia e direttrice del Centro di Imaging Biomedico della Northeastern University di Boston, ha spiegato che lo studio potrebbe avere grandi implicazioni cliniche perché «l'identificazione di questi biomarcatori in così giovane età potrebbe promuovere interventi precoci – esercizio fisico, consapevolezza, terapia cognitivo-comportamentale – che potrebbero mitigare i sintomi e forse anche prevenire la progressione della malattia psichiatrica».

Ovviamente, questo è uno studio iniziale e le scansioni non sono ancora disponibili come strumento di screening, di fatto però ci troviamo di fronte a una promettente area di ricerca. Whitfield-Gabrieli spera di poter arrivare ad esaminare le scansioni cerebrali nei neonati, per vedere se questi problemi di salute mentale possano essere identificati anche molto prima.

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER