Nuove soluzioni combinate per i cambiamenti climatici

Una nuova ricerca rileva che è necessario un approccio su due fronti per combattere cose come l'innalzamento del livello del mare e l'acidificazione degli oceani

In questo nostro Antropocene, non facciamo altro che parlare di come siamo arrivati a questo punto e di ciò che possiamo fare per invertire il male che abbiamo fatto (e continuiamo a fare) al nostro pianeta. Ci chiediamo se gli atti individuali servano a qualcosa, se gli sforzi di conservazione locali siano efficaci, se la politica non dovrebbe iniziare ad essere dura e implacabile a livello globale e con un coordinamento internazionale. 

Gli scienziati sono divisi sulla questione, alcuni si battono per il proseguimento degli sforzi ambientali locali, mentre altri credono che si debba agire a livello mondiale.
Secondo un nuovo studio, pubblicato su Current Biology, dobbiamo fare entrambe le cose. Lo dicono i ricercatori della Duke University e della Fudan University, che volevano una migliore comprensione delle interazioni tra i cambiamenti climatici e gli impatti umani locali nelle zone costiere (che sono le regioni più densamente popolate in il mondo) e ne hanno concluso che questi interventi combinati «attenuano in modo significativo gli impatti dei cambiamenti climatici e possono procurarci il tempo per adattarci alle nostre città, che affondano e che imbiancano i coralli fino a quando non entrano in gioco gli effetti benefici della riduzione globale delle emissioni».

Sono in molti a dire che i nostri sforzi locali, le mosse individuali, non servono a niente, eppure secondo questa ricerca, ci dobbiamo impegnare anche in questo senso, superando l'idea che ci sembra che stiamo trattando i sintomi, piuttosto che curare la malattia perché, in realtà, in questo momento, dobbiamo fare entrambe le cose.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER