Ecco come impedire a Facebook di spiarti su WhatsApp

Controllate nelle impostazioni di WhatsApp se avete lasciato "campo libero" a Facebook di accedere ai vostri dati

WhatsApp Share

Se utilizzate WhatsApp probabilmente avrete notato che negli ultimi giorni sta chiedendo agli utenti di accettare dei nuovi termini di servizio.

La questione è controversa perché c’è in ballo la nostra privacy. Come spiega il profilo Facebook della polizia di stato “Una vita da social”: “se ancora non avete accettato, il consiglio che possiamo darvi è: non fatelo. O almeno, se non sapete che cosa comporterà il dire sì alla nuova policy, fermatevi e leggete le nuove regole”.

Prosegue il profilo della Polizia: “Da adesso infatti Facebook può 'spiare' su WhatsApp: numeri di telefono, contatti e altri dati che passeranno automaticamente anche al social network di Zuckerberg, proprietario tra le altre cose, anche della popolare piattaforma di instant messagging. Per evitare questo esistono due vie: la prima è semplicissima, quando arriva l'avviso, invece di accettare i termini basta digitare su 'Leggi'. In questo modo si aprirà la finestra con il nuovo 'contratto' in cui poter scegliere di rifiutare le nuove condizioni sulla privacy".

Ma se non ci avete fatto caso e avete già accettato le nuove norme? Ecco cosa potete fare: “Per bloccare il consenso all'utilizzo dei dati da parte di Facebook si hanno 30 giorni di tempo. Ma come si fa? Semplice. Cliccando su 'Impostazioni', poi su 'Account' e infine sulla spunta accanto alla voce 'Condividi Info Account'. In questo modo - almeno per ora - si è al riparo dalle pubblicità troppo 'calzanti' su Facebook”.

Cosa significa lasciare che Facebook acceda anche ai nostri dati su WhatsApp? Lo spiega sempre “Una vita da social”: “Se si accettano le nuove condizioni, il social network da 1,7 miliardi di utenti potrà attingere (anche) ai dati del telefonino per inviare all'utente messaggi pubblicitari sempre più mirati mentre si naviga sulla sua piattaforma o per consigliare potenziali amici da aggiungere alla propria cerchia - spiega la polizia - Potrà capitare di vedere fra i suggerimenti di Facebook il nome e il volto di una persona con cui si è appena entrati in contatto su WhatsApp. O di imbattersi sul social network nella pubblicità di un’azienda che conosce il numero di telefono di un utente”.

"Al passaggio di informazioni alla casa madre il fine è duplice: profilazione a beneficio della personalizzazione della pubblicità sul social network e un più generico miglioramento dei servizi - conclude il post della Polizia - Nel secondo caso non c’è nulla da fare, piaccia o no le due applicazioni condivideranno le informazioni. Nel primo, invece, ci si può esplicitamente rifiutare seguendo la procedura già citata più in alto".

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy