Mai più cicatrici?

Una nuova scoperta sulla pelle umana potrebbe eliminare la formazione delle cicatrici dalla nostra pelle

WhatsApp Share

Non esiste nessuna persona al mondo che non abbia cicatrici – il segno di una ferita è qualcosa che fa parte della vita di tutti e con il quale si impara a convivere. Eppure, forse, le cose potrebbe cambiare, visto che i ricercatori hanno sviluppato un metodo per eliminare le cicatrici inducendo le ferite a guarire come pelle normale piuttosto che come tessuto cicatriziale.

La differenza tra il tessuto normale e quello cicatriziale è che quest'ultimo non presenta cellule di grasso o follicoli piliferi, per questo ha un aspetto diverso dalla pelle. Mentre i tagli più piccoli sono riempiti con la pelle che contiene cellule adipose, chiamate adipociti, che gli permettono di mimetizzarsi con l'area circostante, per i tagli più grandi subentra il tessuto cicatriziale che, essendo in gran parte costituito da miofibroblasti, non permette la mimetizzazione.

La ricerca mostra che se riuscissimo a convertire i miofibroblasti in adipociti, trasformando il tessuto cicatriziale in una pelle normale, non avremmo mai più cicatrici. Prima si pensava che questa conversione fosse possibile solo nei pesci e negli anfibi, ma a quanto pare non è così.

Lo studio, pubblicato su «Science», si basa su ricerche precedenti che hanno stabilito un legame tra il modo in cui le cellule grasse e i follicoli piliferi si sono sviluppati nella pelle rigenerata – si formano separatamente, ma non in modo indipendente, con i follicoli piliferi che appaiono sempre per primi.

Ciò ha spinto il team a provare a indurre la crescita dei follicoli piliferi nel tessuto cicatriziale che si stava formando in campioni di pelle prelevati da topi e umani. Si è visto che i follicoli piliferi rilasciano una proteina di segnalazione durante il loro sviluppo, che ha convertito i miofibroblasti in adipociti.

Questi risultati sono un miglioramento importante rispetto alla chirurgia estetica attualmente disponibile, che riesce a coprire ma non a eliminare le cicatrici. Ovviamente ci sono alcune limitazioni alla procedura e molti test vanno ancora fatti, eppure questa ricerca apre gli occhi su quante possibilità di rigenerazione ci offre la nostra pelle.