Una nuvola per migliorare l'aria

A Milano, per la Design Week, compare un'installazione che permette di respirare aria pulita dentro il cuore della città

WhatsApp Share

Siamo tutti stanchi di respirare l'aria inquinata delle città, stanchi di sapere che insieme all'ossigeno i nostri nasi pescano moltissimo smog. A Milano viene mostrata una soluzione a questo problema, tra arte e tecnologia, grazie alla creazione di un luogo che serve a darci una tregua temporanea dallo smog. Si chiama «Transitions» questo luogo ed è una costruzione gigante, un guscio bianco simile a una nuvola che è stato installato durante la Milano Design Week 2018 nel quartiere di Brera, il centro artistico della città.

Come previsto da Takehiro Ikeda, l'enorme padiglione utilizza la tecnologia all'avanguardia di purificazione dell'aria di Panasonic per fornire a tutti coloro che entrano respiri puliti e freschi. A differenza delle altre installazioni dello stesso tipo che utilizzano dei gas, il padiglione Panasonic impiega solo acqua naturale per costruire l'esperienza coinvolgente di una passeggiata attraverso la foschia atmosferica e ultra-fine creata con la tecnologia rivoluzionaria dell'azienda.

Questa tecnologia, che si chiama Nanoe x, raccoglie l'umidità dall'aria e utilizzando l'alta tensione crea particelle d'acqua di dimensioni nano e componenti altamente reattivi chiamati radicali idrossilici (OH) – che sono generati in grandi quantità e inibiscono virus e batteri, oltre a rimuovere gli odori e gli allergeni e a prevenire la muffa.
Takehiro Ikeda ha detto che l'installazione «Transition» è un'anteprima dell'ultima ricerca sulla purificazione dell'aria, che verrà utilizzata durante le Olimpiadi del 2020 a Tokyo per garantire un'atmosfera piacevole e fresca durante la calda estate giapponese.

Il progetto è anche efficiente dal punto di vista energetico. Invece di utilizzare grandi quantità di risorse naturali per alimentare l'impianto di climatizzazione, il padiglione – che misura circa 20 metri di diametro – necessita solo di pochi litri d'acqua per ogni ciclo di funzionamento.